Progetti in corso

Realizzati con i fondi “Otto per mille della Chiesa Valdese”

Progetti attualmente in corso e realizzati con i fondi “Otto per mille della Chiesa -valdese”

Terrabilità

Primo Progetto

Percorsi di consapevolezza corporea e tecniche espressive per persone con disturbi dello spettro autistico.

Finalità: aumentare l’efficacia comunicativa e le competenze empatico-relazionali delle persone con Sindrome di Asperger e Disturbi dello Spettro Autistico ad Alto Funzionamento, al fine di migliorarne il funzionamento sociale e la qualità di vita e combattere l’isolamento.
Obiettivi specifici:

  • migliorare la consapevolezza corporea;
  • migliorare le capacità di comprensione e di condivisione empatica delle emozioni;
  • migliorare la comprensione degli aspetti non verbali della comunicazione;
  • aumentare le capacità espressivo-comunicative mediante il potenziamento della prosodia, della gestualità e della mimica facciale;
  • migliorare la qualità di vita.
Descrizione

Le persone con sindrome di Asperger ed Autismo ad Alto Funzionamento, che secondo i criteri del DSM 5 rientrano tra i disturbi dello spettro autistico livello 1 di gravità, mostrano difficoltà specifiche e persistenti nella comunicazione e nell’interazione sociale, che causano disabilità pur a fronte di buone abilità cognitive e verbali, e finiscono per compromettere aree importanti della vita quali le relazioni affettive, la scuola, il lavoro. 

Le interazioni sociali vengono infatti inficiate da una difficoltà specifica nel comprendere quale sia il significato comunicativo delle azioni umane, nell’attribuire un senso all’espressione delle emozioni o nel comprendere i motivi  per cui le persone agiscono in modi diversi a seconda dei differenti contesti e delle differenti situazioni. Non sono gli aspetti formali del linguaggio ad essere compromessi, ma aspetti più sottili, legati alla comunicazione non verbale, quali la gestualità, l’intonazione della voce, la modulazione emotiva, le convenzioni sociali della conversazione. Manca inoltre una consapevolezza di come i segnali comunicativi si incarnino a livello corporeo e di quali siano i significati che attraverso il corpo vengono trasmessi all’altro e che l’altro trasmette, generando ulteriore disorientamento e confusione nell’interazione.  

A causa di tali problematiche, per le persone con Sindrome di Asperger e Autismo ad Alto Funzionamento l’isolamento sociale diventa un rischio elevatissimo.

Per questi motivi si intende sviluppare un intervento di tipo abilitativo volto alla promozione delle abilità relazionali e ad un miglioramento dell’efficacia comunicativa in persone con Sindrome di Asperger e Autismo ad Alto Funzionamento.

Si propone dunque la realizzazione di un laboratorio di tipo esperienziale che utilizzerà  tecniche di consapevolezza corporea e i linguaggi espressivi della recitazione teatrale e microfonica, al fine di potenziare le abilità comunicative e relazionali attraverso un training specifico nell’ambito dell’espressività vocale e dell’espressività corporea. Il laboratorio, verrà progettato con l’obiettivo di potenziare le abilità dei partecipanti secondo differenti prospettive.

Il progetto verrà effettuato in collaborazione con l’Ambulatorio Disturbi spettro autistico in età adulta Centro Pilota Regione Piemonte dell’Asl Città di Torino.  

Secondo Progetto

“Emilio” – Progetto pilota per l’inserimento di soggetti autistici adulti all’interno di aziende agricole del territorio associate alla Coldiretti

Sintesi dell’intervento

I soggetti autistici adulti raggiunta la maggiore età, non più in carico al servizio di Neuropsichiatria Infantile, perdono la loro visibilità sociale, e seppur soggetti non autonomi e bisognosi di aiuto vengono dimenticati e lasciati in carico alle sole famiglie, il progetto “EMILIO” si propone di sperimentare, e poi rendere operativo su larga scala, un protocollo di inserimento lavorativo dei medesimi soggetti nelle aziende agricole del territorio. Tale inserimento lavorativo ha l’obiettivo di riservare agli stessi un ruolo attivo e fattivo nella società migliorando la loro condizione di vita, la loro dignità, e contribuendo a mantenere presente una capacità di sviluppo delle loro facoltà intellettive e relazionali. Individuazione di un contesto rurale (in Italia quello tradizionale della “cascina”) come il più adatto a realizzare una condizione ad un tempo coerente e prevedibile, ma ricca di situazioni direttamente ed evidentemente significative, e che offrono un ventaglio di attività (orticultura, agricoltura, trasformazione dei prodotti, cura degli animali, ecc.) adatte sia ad alto che a basso funzionamento; 

Ricerca e selezione di Aziende agricole che condividendo la pratica ed il paradigma dell’Agricoltura Sociale sappiano offrire un contesto nel quale la qualità della relazione interpersonale sia centrale, basata su caratteristiche di informalità, e comprensione,  tipici di una relazione “familiare”.

Il progetto prevede azioni specifiche di valutazione delle capacità in ingresso dei beneficiari coinvolti, di monitoraggio e di verifica dei risultati in uscita. Tale processo di valutazione verrà svolto sotto la supervisione scientifica del Prof. Roberto Keller, responsabile dell’Ambulatorio Disturbi spettro autistico in età adulta – Centro Pilota Regione Piemonte – ASL TO2.

Nuova sezione per l'acquisto di prodotti

Acquista prodotti per l’autofinanziamento di progetti per l’inserimento di adulti autistici in aziende agricole

Nuova sezione per l'acquisto di prodotti

Acquista prodotti per l’autofinanziamento di progetti per l’inserimento di adulti autistici in aziende agricole

Emilio Onlus | Autismo, natura e psicologia | Tel: +39.3356343021 | Email: emilioonlus@gmail.com
C.F./ P.I. 91030290018
Sede: Castiglione Torinese (TO)

declino responsabilità | privacy policy | cookie policy

© 2016. E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.